Archivio per categoria Uncategorized

Incontro “Covid-19 e la funzione salvifica delle tecnologie

La funzione “salvifica” delle tecnologie nell’ambito dell’emergenza Covid-19: se ne è parlato la scorsa settimana in un incontro del Centro Studi riservato ai Soci. Dopo alcune riflessioni iniziali, il dibattito si è incentrato su strumenti e metodi utilizzati dai vari paesi durante la pandemia e sui possibili sviluppi delle strategie in atto. Per informazioni sulle prossime iniziative del Centro si può inviare una mail a: cspnt@centrostudipnt.org

Comunicato Stampa – Prorogato al 31 maggio il termine di partecipazione alla III edizione del Premio per la miglior tesi

In ragione dell’attuale fase emergenziale, il Consiglio direttivo del Centro studi ha deciso di prorogare al 31 maggio prossimo la scadenza per l’invio delle domande di partecipazione alla 3^ edizione del Premio per la miglior tesi di laurea o di dottorato in materia di protezione dati ed innovazione tecnologica. L’edizione in questione è riservata alle tesi discusse nell’anno solare 2019.

Bando e fac-simile di domanda sono rinvenibili nel sito internet del Centro all’indirizzo:

Bando per l’attribuzione di un Premio per la miglior tesi di laurea su protezione dati personali e innovazione tecnologica 2019 – 3^ Edizione

Bando per l’attribuzione di un Premio per la miglior tesi di laurea su protezione dati personali e innovazione tecnologica 2019 – 3^ Edizione – Termini prorogati al 31.5.2020

Il Centro Studi Privacy e Nuove Tecnologie bandisce la terza edizione del Premio per la migliore tesi di laurea magistrale o di dottorato su temi legati al rapporto tra protezione dei dati personali ed innovazione tecnologica.

La domanda di partecipazione dovrà essere compilata correttamente ed inviata, insieme ai relativi allegati, all’indirizzo email:

cspnt@centrostudipnt.it

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre  il 31 maggio 2020.

Per qualsiasi informazione si rimanda alla lettura del Bando.

______________________________________________________________________________

DOCUMENTI ALLEGATI:

  1. Bando 
  2. Domanda di partecipazione (v. PDF editabile)
  3. ProrogaComunicato Stampa
  4. Rassegna Stampa

***

Consulta il materiale relativo alla II edizione del Premio

Consulta il materiale relativo alla I edizione del Premio

Chiuse le iscrizioni per il Bando Tesi

Sono spirati il 31 luglio i termini per presentare le candidature al Premio indetto dal Centro Studi per la miglior tesi di laurea magistrale o di dottorato sul rapporto tra protezione dei dati personali ed innovazione tecnologica. Sono pervenuti numerosi lavori, tutti pertinenti ed attuali. Spetterà alla Commissione appositamente nominata e composta da Federico Ferro-Luzzi (Presidente), Daniele Perucchini e Riccardo Acciai il non facile compito di individuare il più meritevole. I risultati sono previsti per dopo l’estate. In bocca al lupo a tutti i partecipanti!

La privacy by design: Un’analisi comparata nell’era digitale

Si è svolta ieri, alla presenza di un numeroso e qualificato pubblico, la presentazione del volume di Giorgia Bincoletto, “La privacy by design. Un’analisi comparata nell’era digitale” pubblicata da Aracne nella Collana “Privacy e Innovazione” del Centro Studi. Il volume contiene, debitamente aggiornata ed integrata, la tesi di laurea risultata vincitrice della prima edizione del bando promosso dal Centro. L’opera è raggiungibile al seguente link:http://www.aracneeditrice.it/index.php/pubblicazione.html…
Alla vincitrice i nostri più convinti complimenti e gli auguri per un proficuo seguito del percorso di ricerca!

Il 10 luglio cerimonia di consegna del Premio del Centro Studi PNT per la miglior tesi

Il 10 luglio alle ore 17,00 presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Roma “La Sapienza” verrà presentato il volume di Giorgia Bincoletto, “Privacy by design. Un’analisi comparata nell’era digitale”, pubblicato da Aracne nella Collana “Privacy e Innovazione” curata dal Centro studi privacy e nuove tecnologie.

Proprio la pubblicazione e la cerimonia del 10 luglio costituiscono il premio per quella che una apposita giuria ha ritenuto essere la migliore fra le numerose tesi di laurea e di dottorato presentate in occasione della prima edizione del concorso bandito dal Centro Studi.

Il 31 luglio 2019 si chiudono i termini per la partecipazione alla seconda edizione (bando e fac-simile di domanda nel sito www.centrostudipnt.org).

Di seguito la locandina dell’evento:

In arrivo la banca dati sul testamento biologico

Con la legge di bilancio del 2018 erano stati stanziati i fondi per il finanziamento di una banca dati relativa alle disposizioni anticipate di testamento (Dat), che, grazie all’assenso del Garante per la protezione dei dati personali, vedrà a breve la luce.

Un gruppo di lavoro, composto da rappresentanti del Ministero della Salute, delle Regioni e dell’Autorità di controllo, ha predisposto il testo inerente i contenuti informativi del database, affrontando gli aspetti più critici, tra cui – dal punto di vista della protezione dei dati personali – il tempo di conservazione e i soggetti che hanno accesso allo stesso.

Alla banca dati, istituita presso il Ministero della Salute, confluiranno le manifestazioni di volontà di tutti i soggetti maggiorenni che decideranno di stabilire anticipatamente i trattamenti sanitari a cui vorranno essere sottoposti in caso di sopravvenuta incapacità ad autodeterminarsi.

All’interno della stessa saranno contenute quindi, con il previo consenso dell’interessato, le copie delle dichiarazioni, la nomina e/o revoca dell’eventuale fiduciario, fermo restando il loro costante aggiornamento. Gli interessati potranno essere anche soggetti non iscritti al Servizio Sanitario Nazionale.

Per quanto concerne il tema della data retention, essa è stata stabilita nel periodo di 10 anni dal decesso dell’interessato, al termine del quale i dati a lui riferibili saranno cancellati.

I soggetti autorizzati ad accedere al database saranno limitati al medico che ha in cura l’interessato e al fiduciario, qualora fosse stato nominato. Inoltre avranno titolo ad alimentare ed aggiornare la banca dati – per mezzo di un modulo elettronico – gli ufficiali di stato civile comunali, i notai e il responsabile dell’Unità organizzativa competente delle Regioni che abbia predisposto il servizio.

L’interessato, ai sensi dell’art. 15 del GDPR, avrà il diritto di ricevere comunicazione dell’avvenuta acquisizione delle dichiarazioni all’interno della banca dati.

Sussistono ancora degli elementi da definire in maniera più specifica e dettagliata, come ha richiesto il Garante in un’ottica cautelativa. I temi si incentrano sulle modalità di accesso al sistema da parte del medico e/o del fiduciario e sulla corretta individuazione dei soggetti che, in qualità di titolari autonomi del trattamento, sono legittimati a trasmettere le Dat alla banca dati (v. https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9117778)